Archivio mensile:novembre 2016

LA NOSTRA STORIA E’ FATTA ANCHE DI CANZONI

Il terzo appuntamento del nostro “Poliedrico Itinerario. Intensamente Milano” che si terrà il 22 novembre sarà animato da Caterina Mattea e da Silvia Malagugini, che ci faranno rivivere le emozioni della musica popolare, riscoperta negli anni Sessanta da Roberto Leydi, e che ancor oggi è vitale grazie all’attuale prospettiva storica della folk music interprete di costumi e società.

Le protagoniste dell’incontro ci aiuteranno a ripercorrere quella stagione di scoperta e diffusione della canzone popolare che alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70 è stata vissuta come un intervento politico significativo, in quanto si intendeva restituire la visione del mondo delle classi subalterne che, come si sa, non è visione scritta ma orale. Fino a quel momento di questa visione la “cultura” ufficiale non si era occupata. La riproposta dei canti popolari ha riempito in quegli anni le università, le feste dell’Unità e anche i teatri tradizionali con spettacoli come Bella Ciao e Ci Ragiono e Canto (Dario Fo), facendo emergere il punto di vista della cultura non dominante sulla guerra, sul lavoro (canti femminili di monda o di filanda), sull’amore ecc.

I temi affrontati si inseriscono perfettamente nel “Poliedrico Itinerario. Intensamente Milano”, che abbraccia le proposte culturali fiorite dal dopoguerra in avanti, con uno sguardo vivace alla realtà di oggi.

Con interventi musicali dal vivo (Maurizio Rinaldi, chitarra – Lydia Cevidalli, violino).

Caterina Mattea ha giocato la sua vita professionale fra teatro e psicologia, fra testo e sottotesto. La curiosità di vedere cosa c’è dietro la parola. Ha scelto di far vivere su tanti palcoscenici la voce del mondo dei subalterni e la tradizione orale popolare. Ora invece, da etnopsicologa, ascolta e aiuta a dare significato alle storie di chi cambia paese.

Silvia Malagugini. Di cultura classica e lirica, Silvia si avvicina ai canti popolari con  “Il Nuovo Canzoniere Italiano” che negli anni 60/70, fa un lavoro di ricerca e  di riproposta di un repertorio tradizionale fino ad allora largamente ignorato. L’incontro con Dario Fo la conduce naturalmente verso il teatro popolare. Per arricchire la presenza fisica in scena, Silvia frequenta poi la scuola viennese di Rosalia Chladek, importante rappresentante della danza espressionista tedesca. A Parigi dove vive dagli anni ’80, la Malagugini dirige la compagnia “Nonna Sima” e anima degli ateliers amateurs sulle polifonie tradizionali.

_invito-22-nov02

Annunci

RIVOLUZIONE CALLAS NELLA TRAVIATA 1955 DI LUCHINO VISCONTI

Nel secondo appuntamento del nostro Poliedrico Itinerario. Intensamente Milano che si tiene alle 18.30 di martedì 8 novembre al M.A.C. (piazza Tito Lucrezio Caro, 1), Emilio Sala svela, con interventi musicali dal vivo, interessanti aspetti della Traviata messa in scena alla Scala da Luchino Visconti con la rivoluzionaria presenza di Maria Callas.

Si è soliti associare a questo evento la nascita del teatro di regia applicato all’opera: una vera e propria rivoluzione Visconti/Callas che ebbe un impatto storico per la forza drammatica dell’interpretazione callassiana, che rompe con la tradizione puramente vocale. Con questa Traviata cambia la drammaturgia dell’opera, con uno sguardo del tutto teatrale e drammatico.

Emblematico il gesto alla fine del primo atto quando Violetta/Callas toglie le scarpe dopo la festa gettandole in aria. Un comportamento scenico estraneo alle convenzioni operistiche fin lì in essere.

Non esiste alcun video di questo spettacolo – tranne alcune celebri fotografie e la registrazione audio -, sicchè quella Traviata così celebrata deve essere riscostruita. Ebbe un successo immediato anche se contrastato, ma venne subito riconosciuto come un evento imprescindibile.

Partecipa all’incontro Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura del Comune di Milano.

Interventi musicali di:

PAOLA CAMPONOVO – soprano

ALFREDO BLESSANO – pianoforte

_invito-8-novembre-02